Connettiti con Noi

Fondazione Banco Napoli “sbarca” negli States

NEWS & AGENDA

Fondazione Banco Napoli “sbarca” negli States

 

Fondazione Banco Napoli: visita console Usa per portare il museo negli States

Napoli e Stati Uniti sono ancora più vicini. Domani 18 aprile alle ore 12 a Palazzo Ricca, sede della Fondazione Banco Napoli, è in programma la visita istituzionale della Console Generale USA a Napoli Tracy Roberts-Pounds, che potrà ammirare il capolavoro di Caravaggio in mostra “La presa di Cristo” e il museo dell’archivio storico.

All’incontro partecipano il Presidente della Fondazione Orazio Abbamonte, il Presidente del museo Marcello D’Aponte e il direttore della Fondazione Ciro Castaldo.

«Obiettivo del meeting – spiega D’Aponte – è valutare la possibilità di esportare i tesori del museo negli Stati Uniti, nell’ambito di un rapporto di collaborazione tra la Fondazione Banco Napoli, la Fondazione Museo Archivio Storico e gli Stati Uniti d’America.

Museo che nasce per valorizzare l’enorme patrimonio di storie e di personaggi custodito nelle scritture degli antichi banchi pubblici napoletani».

Iscrizione del Fondo Apodissario

Lo scorso anno l’importante riconoscimento: l’iscrizione del Fondo Apodissario dell’Archivio Storico nel Registro della memoria del Mondo tenuto dall’Unesco.

Tutti i giacimenti documentari più rilevanti per la conservazione della storia dell’umanità sono iscritti proprio nel Fondo Apodissario.

Circa ottanta chilometri di scaffalature contengono diciassette milioni di nomi, centinaia di migliaia di pagamenti e dettagliate causali. 

Faldoni che ricostruiscono un affresco vivo di Napoli e di tutto il Mezzogiorno, dal 1573 sino ai giorni nostri.

Un tesoro di memorie lungo 450 anni, che utilizza ogni canale di divulgazione disponibile, dalla multimedialità alla scrittura creativa, restituisce alla città e al mondo intero le voci, le narrazioni e le vicende immortalate sulle innumerevoli pagine dei tomi dell’Archivio Storico del Banco di Napoli.

«La Fondazione Banco di Napoli – ribadisce Abbamonte – persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale su tutto il territorio nazionale, ma anche all’estero.

I settori di intervento sono quelli dell’arte e dei beni culturali, della ricerca scientifica e tecnologica, dell’educazione e della formazione, del volontariato e della filantropia».

(Fonte: Ufficio stampa)

Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Altro in NEWS & AGENDA

To Top